Archivi categoria: Di tutto un po’

Riflessioni intorno allo Statuto

images-6
www.ladigetto.it

È da qualche decennio che si parla di rivisitare lo Statuto d’Autonomia e di ridefinire il ruolo della Regione e dunque i rapporti tra le due Province Autonome di Trento e di Bolzano.

Lo Statuto è una legge di rango costituzionale e la modifica spetta al Parlamento.

Infatti l’art. 103 dello Statuto d’Autonomia, modificato dalla riforma del Titolo V della Costituzione italiana, nel 2001, così recita:

“Per le modificazioni del presente Statuto si applica il procedimento stabilito dalla Costituzione per le leggi costituzionali.

L’iniziativa per le modificazioni del presente statuto appartiene anche al Consiglio regionale su proposta dei Consigli delle Province autonome di Trento e di Bolzano e successiva conforme deliberazione del Consiglio regionale.

Continua la lettura di Riflessioni intorno allo Statuto

Protocollo intesa Provincia Comune di Rovereto

L-incontro-fra-le-due-Giunte_imagefullwide
https://www.ufficiostampa.provincia.tn.it/

Molti sono i temi interessanti trattati, molti anche condivisibili, mi soffermo sulla questione principe, la viabilità roveretana.

Rilevo innanzitutto che si parla di mobilità e non viabilità, questo non può che essere assolutamente condivisibile come approccio di metodo, così come portato avanti anche dagli strumenti di piano di cui il Comune si è dotato PUM in primis.

Vuol dire che l’impostazione di un modello di città è stata confermata.

Continua la lettura di Protocollo intesa Provincia Comune di Rovereto

La storia continua … #viatartarotti

 

via tartarott

“Il nostro provvedimento è volto ad un ampliamento vero e concreto della zona a traffico limitato”

Queste le parole dell’ass. Plotegher ieri sul Trentino. Una presa di posizione  molto chiara e decisa, che non può che trovarmi concorde. Ma allora mi chiedo: ” Come mai sul tratto iniziale di via Tartarotti si è compiuta una scelta di totale retromarcia?”.

La spiegazione che ne consegue appare contradditoria. L’atteggiamento rimane quello di criticare quanto fatto dall’amministrazione precedente, più che spiegare la bontà del provvedimento attuato.

In gioco non c’è il decidere chi tra un’amministrazione e l’altra appare più bravo, francamente credo che ai cittadini poco importi. In gioco c’è l’interesse della comunità e la comprensione di scelte attuate, che anche se non lo si vuole riconoscere, rappresentano evidentemente un passo indietro, rispetto alla condizione precedente.

Il tema non è neppure accettare o meno il diktat dei commercianti. La categoria rappresenta una voce importante che va ascoltata ma assieme anche a tutti gli altri, concertando, spiegando interventi nel breve medio e anche lungo periodo. Forse se il quadro fosse noto, tutto apparirebbe più comprensibile. Il quadro c’è, il piano della mobilità, l’applicazione dipende dalle scelte politiche. Ma a quel quadro non si vuole fare riferimento. Bene, legittimo ma allora a quale quadro nuovo ci si rivolge?

Questa rimane una scelta isolata. Continua la lettura di La storia continua … #viatartarotti

Un nuovo corso Rosmini

Questo weekend la città di Rovereto vedrà l’inaugurazione di due importanti realtà commerciali: una in zona industriale l’Orvea, l’altra all’Ex stazione autocorriere, il supermercato Conad.
Non si tratta semplicemente dell’apertura di due negozi ma di due operazioni di riqualificazione urbanistica, avviate durante la precedente amministrazione ed ora arrivate al processo di realizzazione.

Due interventi significativi, nati da percorsi di rigenerazione del paesaggio urbano, differenti ma non contrapposti, due operazioni di urban recycling, tema molto attuale, laddove la città ha bisogno di ripensarsi, di riattivarsi.

Continua la lettura di Un nuovo corso Rosmini

Le P. IVA accedono ai fondi europei.

dal sito: http://www.ediliziaeterritorio.ilsole24ore.com
dal sito:http://www.ediliziaeterritorio.ilsole24ore.com

Finalmente i professionisti vengono equiparati alle piccole e medie imprese sul fronte dei fondi europei.

Uno tra gli ultimi cambiamenti entrati in vigore nella legge di Stabilità, un passaggio atteso da tempo da tutte le partite Iva italiane: da tempo Commissione europea aveva invitato a sanare l’anomalia tutta italiana che, da un punto di vista operativo, non metteva gli autonomi in grado di accedere ai plafond finanziati da Bruxelles.  Soddisfatti i professionisti, che da tempo chiedevano questo cambiamento. Ora manca solo il tassello dei bandi: le chiamate nazionali e regionali dovranno adeguarsi alle prescrizioni della manovra.

Continua la lettura di Le P. IVA accedono ai fondi europei.

Rovereto non è una periferia

E’ da un po’ che mi chiedo cosa stia succedendo a Rovereto” scrive Giuseppe Parolari sul Trentino di sabato 7 novembre.

In punta di piedi, ponendosi come osservatore esterno, parla di una città che mostra segnali di stanchezza e di crisi profonda. Una città sfibrata, che assiste alla lenta chiusura di negozi storici, dove la qualità dell’offerta va gradualmente appiattendosi, con un nucleo centrale vocato al passeggio sempre più ridotto, una città che diventa periferia di sé stessa.

Ciò che colpisce, prosegue Parolari, è la mancanza di entusiasmo, il senso di rassegnazione che l’urbe esprime in questo momento, quasi il disinteresse ad essere protagonista del proprio destino.

Leggere un simil commento, specialmente a chi vive la città quotidianamente, non può certo far piacere e certamente sono dell’avviso che in città siano presenti stimoli molto significativi come anche un tessuto sociale molto attivo e molto partecipe.

Tuttavia, questa sensazione descritta un certo fondo di verità la racchiude. Il momento non è dei più floridi e tale condizione non riguarda certo solo Rovereto ma anche molte altre città. Trento non  ne è esente, a mio avviso e neppure Verona se parliamo  di continua alternanza di offerta commerciale, di negozi mordi e fuggi e di appiattimento dell’offerta. L’analisi è molto articolata e riguarda soprattutto la capacità media di acquisto delle famiglie e la sopravvivenza dei mercati di nicchia.

Continua la lettura di Rovereto non è una periferia

Abolito il patto di stabilità, le misure del governo.

dal sito http://www.ipasvi.fr.it/
dal sitohttp://www.ipasvi.fr.it/

Il disegno di legge di stabilità 2016 è stato depositato al Senato.

Ecco una sintesi sulle norme a mio avviso di più diretto impatto sull’edilizia e il mercato immobiliare:

1. abolizione delle tasse sulla prima casa;

2. proroga di un anno delle detrazioni al recupero edilizio e al risparmio energetico negli edifici;

3. addio del Patto di stabilità nei Comuni che dovrebbe valere uno sblocco di investimenti nel 2016 per circa un miliardo di euro;

4. ok a Cassa Depositi e prestiti alla partecipazione del Piano Juncker (banda larga, fondi alle Pmi, infrastrutture in Ppp).

Continua la lettura di Abolito il patto di stabilità, le misure del governo.

#equitadigenere: con la legge Borga meno donne in giunta.

content_image_normal-2
dal sito http://www.trentotoday.it/politica/donne-giunta-comunale-trentino.html#

Il Consiglio regionale ha approvato  il disegno di legge 54 proposto dal consigliere di Civica Trentina Rodolfo Borga, che corregge la legge in vigore per quanto riguarda la rappresentanza femminile all’interno delle giunte comunali.  Con la legge approvata ieri si è eliminato il calcolo per eccesso della rappresentanza femminile nelle giunte comunali, rispetto al numero delle elette.

La legge ha trovato il favore di 34 consiglieri,  6 hanno espresso voto contrario e 17 si sono astenuti.

Tale scelta, a mio avviso non condivisibile, metterà in discussione le giunte comunali già formate, dove è stata inserita una donna in più, che ora potrà vedersi revocato l’incarico in base alle nuove norme.

Continua la lettura di #equitadigenere: con la legge Borga meno donne in giunta.

#Meccatronica #Manifattura #mobilità

Progetto_Manifattura
dal sito http://www.progettomanifattura.it

Negli ultimi dieci anni la politica provinciale ha compiuto scelte mirate sulla città di Rovereto e investitito una cospicua quantità di risorse.

La chiusura dello storico stabilimento di Manifattura Tabacchi, all’indomani della cessazione defintiva della produzione il 31 marzo 2008 non è stato per la città un passaggio indolore.

La realizzazione della Imperiale Regia Manifattura Tabacchi, simbolo per la città di Rovereto di una rinascita industriale per quell’epoca, nacque in un contesto segnato da gravi problemi di carattere occupazionale, legate alla crisi del settore serico.

Quel nuovo imponente e a mio giudizio anche molto bello complesso produssero una spinta innovativa per Borgo Sacco e tutto il circondario, non solo dando risposte sul piano occupazionale – i primi due laboratori di 220 operaie ciascuno entrarono in funzione negli anni 1854-55 ma anche per quel che ne concerne la evidente e necessaria risposta sulle nuove esigenze del tessuto sociale. Vale veramente la pena sottolineare in un momento come il nostro, dove da un punto di vista occupazionale la donna è tra i soggetti che con più difficoltà riesce a inserirsi o reinserirsi nelle dinamiche del mondo lavorativo, come allora in questo luogo la risposta al lavoro femminile fu consistente nei numeri come anche nella risposta alla costruzione di servizi corollari: Il primo asilo nido aziendale, il primo banco di mutuo soccorso, la prima organizzazione sindacale, tutte iniziative nate tra le mura di Manifattura, spesso grazie proprio alle stesse lavoratrici.

dal sito http// www.imprese.san.beniculturali.it
dal sito http// www.imprese.san.beniculturali.it

Il quartiere di Sacco San Giorgio sarà interessato nei prossimi anni da forti trasformazioni urbanistiche che rappresentano una scommessa importante per tutta la città.

Continua la lettura di #Meccatronica #Manifattura #mobilità