Archivi tag: ztl

La storia continua … #viatartarotti

 

via tartarott

“Il nostro provvedimento è volto ad un ampliamento vero e concreto della zona a traffico limitato”

Queste le parole dell’ass. Plotegher ieri sul Trentino. Una presa di posizione  molto chiara e decisa, che non può che trovarmi concorde. Ma allora mi chiedo: ” Come mai sul tratto iniziale di via Tartarotti si è compiuta una scelta di totale retromarcia?”.

La spiegazione che ne consegue appare contradditoria. L’atteggiamento rimane quello di criticare quanto fatto dall’amministrazione precedente, più che spiegare la bontà del provvedimento attuato.

In gioco non c’è il decidere chi tra un’amministrazione e l’altra appare più bravo, francamente credo che ai cittadini poco importi. In gioco c’è l’interesse della comunità e la comprensione di scelte attuate, che anche se non lo si vuole riconoscere, rappresentano evidentemente un passo indietro, rispetto alla condizione precedente.

Il tema non è neppure accettare o meno il diktat dei commercianti. La categoria rappresenta una voce importante che va ascoltata ma assieme anche a tutti gli altri, concertando, spiegando interventi nel breve medio e anche lungo periodo. Forse se il quadro fosse noto, tutto apparirebbe più comprensibile. Il quadro c’è, il piano della mobilità, l’applicazione dipende dalle scelte politiche. Ma a quel quadro non si vuole fare riferimento. Bene, legittimo ma allora a quale quadro nuovo ci si rivolge?

Questa rimane una scelta isolata. Continua la lettura di La storia continua … #viatartarotti

#viaTartarotti

via tartarott
dal sito lavocedirovereto.it

Riapertura  al traffico di via Tartarotti? Scelta incomprensibile.

Ritengo di condividere l’opinione di Paolo Preschern (Confesercenti) e Michele Adami presidente di Consorzio Rovereto In Centro apparsa ieri sulla stampa.

La domanda che mi pongo è la seguente. Possono essere quei 100 metri di strada, peraltro  appena risistemati un anno fa, motivo di cosi insistente interesse da parte delle scelte di un’amministrazione da poco insediata?

L’ampliamento delle zone pedonali in una cittadina come la nostra è sempre stato oggetto di scelte sofferte, tutti ricordano le immagini di un tempo di  via Orefici, piazza Erbe, piazza Suffragio, piazza Malfatti con le macchine ben parcheggiate a ridosso di esercizi commerciali e palazzi. E tutti ricordano le proteste anche plateali, le manifestazioni di corteo contro la scelta di renderle pedonali.

Continua la lettura di #viaTartarotti

Rovereto non è una periferia

E’ da un po’ che mi chiedo cosa stia succedendo a Rovereto” scrive Giuseppe Parolari sul Trentino di sabato 7 novembre.

In punta di piedi, ponendosi come osservatore esterno, parla di una città che mostra segnali di stanchezza e di crisi profonda. Una città sfibrata, che assiste alla lenta chiusura di negozi storici, dove la qualità dell’offerta va gradualmente appiattendosi, con un nucleo centrale vocato al passeggio sempre più ridotto, una città che diventa periferia di sé stessa.

Ciò che colpisce, prosegue Parolari, è la mancanza di entusiasmo, il senso di rassegnazione che l’urbe esprime in questo momento, quasi il disinteresse ad essere protagonista del proprio destino.

Leggere un simil commento, specialmente a chi vive la città quotidianamente, non può certo far piacere e certamente sono dell’avviso che in città siano presenti stimoli molto significativi come anche un tessuto sociale molto attivo e molto partecipe.

Tuttavia, questa sensazione descritta un certo fondo di verità la racchiude. Il momento non è dei più floridi e tale condizione non riguarda certo solo Rovereto ma anche molte altre città. Trento non  ne è esente, a mio avviso e neppure Verona se parliamo  di continua alternanza di offerta commerciale, di negozi mordi e fuggi e di appiattimento dell’offerta. L’analisi è molto articolata e riguarda soprattutto la capacità media di acquisto delle famiglie e la sopravvivenza dei mercati di nicchia.

Continua la lettura di Rovereto non è una periferia